I produttori

I nostri produttori appartengono tutti a storiche famiglie di vignaioli, all’interno della quali si è perpetuata non solo la grande maestria e l’approfondita conoscenza dello Champagne, ma anche uno sconfinato amore per la propria terra e i propri vini.

Non quindi industrie, ma sapienti artigiani, meticolosi esperti, sensibili prosecutori di una arte vinicola secolare.

 


 

Jacques Chaput

La famiglia Chaput ha come capostipite, Juste Chaput viticoltore a Fravaux, nato nel 1736. Siamo oggi all’ottava generazione.
Nel corso dell’anno 1950, Jacques Chaput ha contribuito a ripiantare le vigne sul nostro territorio dove i monaci benedettini coltivavano già la vigna nel dodicesimo secolo. Un’anziana cascina fortificata, costruita da Bernard di Clairvaux, serve oggi da cantina di invecchiamento alle nostre più nobili cuvée (Grand Réserve “ La Salamandre “, Brut “ L’ Authentic “, Blanc de Blancs e Blanc de Noirs millesimati).
La maison Chaput conta 14 ettari di vigne, essenzialmente di pinot nero e chardonnay.

[ Catalogo ] - [ Sito web ]

 

 

Christophe

La storia della Maison comincia negli anni ’50. Tre generazioni si sono trasmesse i segreti e la passio-ne per produrre champagne di qualità sempre costante.
Situata nel cuore della Côte de Bars, Colombé le Sec è un grazioso villaggio a vocazione viticola; è qui che Christophe è nato ed è qui che sono situate le sue vigne, piantate a Pinot Nero e Char-donnay, dalle quali elabora una varietà di cuvées, con sapori ed aromi differenti per deliziare i vostri palati, e che gli sono valsi medaglie e riconoscimenti.

[ Catalogo ] - [ Sito web ]

 

 

Michel Falmet

E’ a Rouvres les Vignes che la storia dell’azienda comincia.
La produzione era allora destinata in gran parte alla vendita dell’uva alle grandi Maison. Nel 1970, Michel Falmet prende in mano le redini dell’azienda e scrive una nuova pagina della storia familiare, consacrandosi in toto alla viticoltura ed alla creazione della propria Maison.
Con sua moglie Colette, sviluppa la commercializzazione dello Champagne Michel Falmet. Insieme piantano nuovi terreni, investono in nuovi materiali ed ammodernano le strutture produttive.
Nel 2004 l’azienda viene rilevata dalla figlia Corinne Falmet, la quale, insieme al marito Laurent Collot, porta l’azienda nel 21esimo secolo.
Nel 2007 hanno acquistato una parcella piantumata con vecchie vigne di chardonnay, qualche anno dopo hanno costruito il nuovo stabilimento, dotato di tini e macchinari moderni, con locali climatizzati ad umidità e temperatura controllata per una perfetta fermentazione in cantina ed hanno installato una nuova pressa a refrigerazione per mantenere costante la temperatura dei succhi durante la spremitura.
Nel tempo la Maison ha trovato la sua collocazione nel mercato internazionale, grazie ad un perfetto equilibrio tra un passato generoso ed un avvenire effervescente, anche grazie ai numerosi premi vinti.
La maison è affiliata alle associazioni Champagne de Vigneron e Vigneron Indépendant, ed ha ottenuto il prestigioso riconoscimento “HVE – Haut Valeur Environnamentale” grazie alle tecniche alternative di coltivazione delle vigne attuate, quali agricoltura ragionata che comporta integrazione dei cicli lunari alla piantumazione, lavoro del suolo, erbagione e confusione sessuale.

[ Catalogo ] - [ Sito web ]

 

Alain Leboeuf

È nel cuore della Côte de Bar, negli anni 20, che la storia dello champagne Alain Leboeuf comincia. Marcel Leboeuf coltivava delle vigne a Colombé la Fosse, René Corrard, faceva lo stesso mestiere a Baroville… Dall’unione dei loro figli è nata un’unica azienda con 7 ettari di vigne, azienda che oggi è diretta dal loro nipote Alain Leboeuf, coadiuvato da sua moglie Séverine.
Appassionato di vino, nel lavoro come nella vita, la scuola viticola di Beaune e le tradizioni tramandategli dalla famiglia, gli hanno fornito le conoscenze per compiere al meglio la su missione di viticultore e produttore di champagne, permettendogli di conferire molti premi e riconoscimenti!

[ Catalogo ] - [ Sito web ]

 

 

Fumay Tassin

Sulle colline di Celles sur Ource, nella bassa Côte des Bar, nella zona di Bar sur Seine, se stende il vigneto della Maison, su una superficie di 5 ettari, coltivato per il 10% a Pinot Blanc Vrai e per il 90% a Pinot Noir, in regime di agricoltura ragionata.
La Maison è stata fondata ed è gestita da Marie Tassin, pronipote di Marcel Tassin, nato nel 1900, che fu tra i primi produttori vinicoli della regione a diventare Récoltant Manipulant dopo la rivolta dello Champagne del 1911.
Marie ha scelto di dedicarsi a questi due soli vitigni di cui è grande appassionata, in particolare creando due cuvée uniche di solo Pinot Blanc Vrai a suo nome, espressione della sua finezza ed eleganza.
Oggi la affiancano nel suo lavoro i figli Arthur e Léa Fumey, portando la tecnologia moderna al servizio della tradizione e sviluppando il commercio nei mercati esteri.
Il successo di oggi è il riflesso del lavoro di ieri, dell’eredità di cultura e passione per la vigna e per lo champagne.
L’azienda ha ottenuto la certificazione “HVE – Haut Valeur Environnamentale” Alto Valore Ambientale ed è affiliata all’associazione dei Vigneron Indépendant.

[ Catalogo ] - [ Sito web ]

 

Florent Viard

Maison familiare tramandata di generazione in generazione dal 1842, gestita da Florent Viard e sua moglie Karine a partire dal 1994, che hanno ereditato la passione e l’esperienza nella più pura tradizione champenoise.
Il vigneto è situato a Vertus, nel cuore della Côte des Blancs, con un sottosuolo calcareo che regala qualità aromatiche eccezionali.
Con sapienza ed esperienza, i Viard coltivano in agricoltura ragionata i loro vigneti a preponderanza di Chardonnay, espressione tipica della regione, e producono in questo territorio a denominazione Premier Cru diverse cuvées caratterizzate dalla leggerezza e freschezza tipiche della zona.
L’azienda ha ottenuto la certificazione “HVE – Haut Valeur Environnamentale” Alto Valore Ambientale.

[ Catalogo ] - [ Sito web ]

 

 

Serge Stéphane

Champagne creato in esclusiva per Chicche di Champagne, prodotto dall’antica Maison Rècoltant-Manipulant Secondé- Simon sita in Ambonnay.
La storia della Maison, con il nome Secondé-Simon comincia nel 1983, quando Jean-Luc Secondé, figlio di viticoltori champenois, decide di creare la propria azienda insieme alla moglie, a sua volta erede di viticoltori della regione, nel cuore di vigneti della Montagne de Reims, nel villaggio di Ambonnay. Oggi il vigneto della famiglia si estende su 6 ettari interamente piantati a Grand Cru; una vera particolarietà che contraddistingue questi champagnes a forte identità.
Il destino della Maison è ora nelle mani di Jérôme Bôle, il genero franco-svizzero di Jean-Luc, infatti la gestione dell’azienda, fin da prima della sua nascita sotto il nome odierno, si è sempre tramandata di suocero in genero, con la complicità attenta e partecipe delle mogli!
Jérôme, ingegnere nucleare, ha radicalmente cambiato vita, portando la sua esperienza moderna in un mondo tradizionale ed ancestrale, convertendo le vigne in agricoltura ragionata, e sfruttando le sue conoscenze per il miglioramento delle cantine. Nella vinificazione, Jérôme è coadiuvato dall’enologo di fama mondiale Nicolas Secondé, figlio di Jean-Luc Secondé.
Lo Champagne Serge-Stéphane è il frutto della stretta collaborazione tra Sergio Cerliani, Nicolas Secondé e Jérôme Bôle, incontro di anime e di mondi, “un italiano, un francese ed uno svizzero”!
L’azienda ha ottenuto la certificazione “HVE – Haut Valeur Environnamentale” Alto Valore Ambientale e “VDC – Viticolture Durable Champagne” Viticultura durevole Champagne ed è affiliata all’associazione Vigneron Indépendant.

[ Catalogo ]

 

 

Liébart-Régnier

Nel 1960, dal matrimonio tra Lucien Liébart e Georgette Régnier, e dei loro rispettivi vigneti a Baslieux sous Châtillon ed a Vauciennes, nasce il marchio Liébart-Régnier. Laurent Liébart, figlio unico, ha proseguito il lavoro dei suoi genitori con sua moglie Valérie, entrambi innamorati del loro mestiere e della loro terra. Oggi sono coadiuvati dalla terza generazione, le figlie Alexandra e Marion.
Il vigneto della Maison si sviluppa su 10 ettari di suolo argillo- calcareo nella parte terminale della Vallée della Marne, nel dipartimento dell’Aisne.
Pinot Meunier, Pinot Noir e Chardonnay, ma anche piccoli quantitativi di vitigni ancestrali (Arbanne, Petit Meslier e Pinot Blanc) sono le uve coltivate dalla famiglia.
L’azienda, per il suo lavoro improntato al rispetto dell’ambiente ed alla sua preservazione per le generazioni future, ha ottenuto la certificazione “HVE Haute Valeur Enrironnementale” (Alto Valore Ambientale) e “VDC – Viticolture Durable Champagne” Viticultura Durevole Champagne, inoltre è affiliata all’associazione Vigneron Indépendant.

[ Catalogo ] - [ Sito web ]

 

 

Bernard Naudé

Nella Vallée de la Marne, a Charly sur Marne in Aisne, a metà strada tra Parigi e Reims, la Maison fu creata all’inizio degli anni ’70 da Bernard Naudé, passando dalla coltivazione dedicata alla sola vendita delle uve alle grandi maison, alla creazione del proprio marchio e all’elaborazione delle proprie cuvées nell’edificio di famiglia caratterizzato dalla Tour Napoléon che lo sovrasta e che ne è diventata l’emblema.
Oggi Vincent e Fabienne Naudé, la quinta generazione di vignérons, lavorano ancora a stretto contatto con i genitori Bernard e Marie Paule.
Adepti della viticultura durevole e ragionata da lunghi anni, la famiglia coltiva gli 8 ettari di vigna come un giardino, con passione e minuzia.
La viticoltura durevole permette di preservare il patrimonio viticolo che consiste nel terreno, l’acqua, e l’aria, lasciando alle generazioni future un patrimonio intatto, e regalandoci oggi champagnes di alta qualità. Per questo lavoro hanno ottenuto la certificazione HVE Haute Valeur Enrironnementale” (Alto Valore Ambientale) e “VDC –Viticolture Durable Champagne” Viticultura Durevole Champagne,
La Maison inoltre è affiliata all’associazione Vigneron Indépendant e Champagne de Vignerons.

[ Catalogo ] - [ Sito web ]

 

 

Michel Marcoult

Un padre, Francis, ed un figlio, Julien, appassionati e complementari, coadiuvati dalle loro mogli, Patricia e Florence.
L’azienda è stata fondata nel 1967 dal papà di Francis, Michel Marcoult.
“Récoltant Manipulant” da 3 generazioni, hanno sempre elaborato in proprio, nel pieno rispetto della tradizione, membri del Consorzio “Champagne des Vignerons” e “Vignerons Indépendants”, lavorando le vigne in agricoltura ragionata.
Hanno l’opportunità di lavorare su tre terroirs diversi: la Côte de Sézanne, la Côte des Bars e la Côte de Vitry, ed hanno fatto di questa diversità una forza che apporta ricchezza ai loro champagnes.
Dal 2004 Julien ha affiancato il padre nella gestione dell’azienda, aiutandolo a valorizzare il territorio e ad elaborare cuvées rare e preziose di parcelle uniche.
L’azienda ha ottenuto la certificazione “HVE – Haut Valeur Environnamentale” Alto Valore Ambientale e “VDC – Viticolture Durable Champagne” Viticultura durevole Champagne.

[ Catalogo ] - [ Sito web ]

 

 

Lionel Benoit

Situato a Marfaux, nel cuore dei vigneti di Champagne, tra Reims ed Epernay, sulle colline della Vallée de l’Ardre e la Petite Vallée de la Marne, 5 generazioni di viticultori si sono tramandati esperienza e passione per arrivare oggi alla gestione di Jérôme Benoît.
Si deve a lui se oggi la maison è passata dallo status di Récoltant-Coopérateur a quello ben più prestigioso ed impegnativo di Récolant-Manipulant.
Con grinta e passione ha costruito una modernissima cantina punteggiata da piccole opere d’arte e magnifici lampadari d’autore, perché “nel bello nasce il buono”.
Rispettoso dell’ambiente, lavora le vigne in agricoltura ragionata, e sta avviando le procedure necessarie per convertire tutte le sue parcelle in agricoltura biologica; tutti i suoi vigneti sono esposti a Sud-Sud/Est ed il suo motto è “Qualità ed espressione del territorio”
L’azienda ha ottenuto la certificazione “HVE – Haut Valeur Environnamentale” Alto Valore Ambientale.

[ Catalogo ] - [ Sito web ]

 

 

Infinite Eight

Dall’incontro e dall’amicizia di due appassionati di champagne, Nicolas Le Tixerant viticoltore e Frank Leroux designer, nasce la Maison, con lo scopo di proporre una selezione specifica di vini millesimati.
Unendo le loro capacità hanno creato il marchio Infinite Eight, contraddistinto dal simbolo dell’infinito e dall’inconfondibile etichetta che cambia colore al variare della temperatura della bottiglie; quando simbolo è rosso, lo champagne è pronto da gustare!
Oggi Nicolas segue i passi del nonno paterno nello sviluppo e nella cura delle vigne che erano state dal padre abbandonate per seguire la carriera dirigenziale nel Comité Champagne.
Una profonda conoscenza dello champagne a 360° porta oggi sulle nostre tavoli questi sontuosi millésime dall’immagine moderna e potente.

[ Catalogo ] - [ Sito web ]

 

 

Augustin Biodinamico

Lo champagne Augustin è nato dall’opera di due famiglie di viticoltori, che insieme contano 9 generazioni.
Ogni attore della “Saga Augustin” ha saputo compiere delle scelte audaci e a volte sconcertanti per i suoi contemporanei. Queste scelte hanno portato ad una presa di coscienza del valore della loro eredità e di una volontà di miglioramento costante.
Oggi Emmanuelle e Marc Augustin coltivano lo stesso spirito di amore per la vita in tutte le sue forme, per questo, da sempre, la loro prima motivazione è di esercitare una viticultura pulita, che impatti il meno possibile l’ambiente in cui vivono.
La cultura biodinamica considera ogni coltivazione agricola come un organismo vivente, deve essere il più possibile diversificato ed autonomo. Il biodinamico restituisce alla pianta ed al suolo un equilibrio, una resistenza ed una vitalità squilibrati dai ripetuti trattamenti chimici cui le colture sono state anticamente sottoposte, e lega i 4 elementi alle 4 principali parti della pianta: la terra alla radice, l’acqua alle foglie, l’aria ai fiori ed il fuoco ai frutti. Per meglio stimolare queste parti della pianta, nelle varie fasi della coltivazione, la posizione della luna determina le date favorevoli ad ogni tipo di trattamento.
Tutti i trattamenti sono a base vegetale od animale, come l’utilizzo degli ormoni sessuali degli stessi parassiti per allontanarli, o la permacoltura per mantenere la biodiversità ed arricchire il suolo piantando leguminose nelle parcelle.
Nessun tipo di prodotto chimico viene utilizzato nelle vigne o durante le varie fasi di lavorazione dei vini.
Le cuvées fermentano in giare di terracotta o botti di legno, e la fermentazione in bottiglia può anche avvenire sotto terra, ai piedi delle stesse vigne da cui proviene il succo…una vera nuova filosofia di vita!

[ Catalogo ] - [ Sito web ]

 

 

Proy Goulard

Lucile ed Alexandre, giovani ed intraprendenti, innamorati e rispettosi della loro terra, creano i loro vini, perpetuando una conoscenza ancestrale ed unendo tradizione e viticultura ragionata e durevole.
Insieme gestiscono una fattoria che comprende 4,5 ettari di vigne situate nel cuore delle eccellenze champenoises, il Pinot Noir della Petite Montagne de Reims, lo Chardonnay della Côte des Blancs ed il Pinot Meunier del Massif de St. Thierry. La cantina è situata ad Epernay, centro nevralgico della produzione di Champagne.
La loro filosofia è volta a rivelare attraverso il loro champagne, il carattere unico del territorio, tramite il lavoro della terra, il rispetto delle piante e l’amore del vino, da lasciare ai loro 3 figli.
L’azienda ha ottenuto la certificazione “HVE – Haut Valeur Environnamentale” Alto Valore Ambientale ed è affiliata all’associazione dei Vigneron Indépendant.

[ Catalogo ] - [ Sito web ]

 

 

Leguillette Romelot

La prima vigna piantata dalla famiglia Romelot risale al lontano 1705... il matrimonio nel 1968 di M. Léguillette con M.lle Romelot, segna l’inizio della Maison che comincia anche la produzione di champagne in proprio.

Dal 2000 Laurent Léguillette tiene le redini dell’azienda forte di un’esperienza familiare consolidata, decidendo di praticare l’agricoltura ragionata, ovvero rispettosa dell’ambiente, con un uso sensato di prodotti fitofarmaceutici, per poter lasciare un domani vigne sane alle generazioni future.

Attualmente la proprietà conta 8 ettari di vigne situate nei comuni di Charly sur Marne, Crouttes sur Marne, Villiers Saint Denis e Gland, tutte sulle pendenze esposte a sud del versante destro della Marna.

La vera particolarità della Maison è la scelta di riutilizzare, accanto ai 3 vitigni classici (Pinot Noir, Pinot Meunier e Chardonnay) i 3 vitigni antichi e poco comuni Pinot Blanc, Petit Meslier e Arbanne, da sempre presenti nel disciplinare dello Champagne, dando così vita a vini intensi e sfaccettati.

L’Azienda ha ottenuto la certificazione “HVE Haute Valeur Environnementale” (Alto Valore Ambientale) e “VDC - Viticolture Durable Champagne” (Viticultura Durevole Champagne), inoltre è affiliata all’associazione Champagne de Vigneron.

[ Catalogo ] - [ Sito web ]

 

 

Cerliani snc

di Cerliani Sergio e Stefano Roberto
via Garibaldi 42
20811 Cesano Maderno MB
CF e PI 03318380965
© 2017

Info

+39 0362 502386
info@chicchedichampagne.it